Archivi tag: raw

Vellutata raw di cetrioli

"Speciale è chi ascolta le tue paure e le trasforma in coraggio".  Nmarghe Niki

Dopo le feste, mi sono decisa a pubblicare questa ricetta che rappresenta forse il massimo del “light” in cucina ;) E’ facile e veloce da preparare ed è perfetta anche l’estate perché freschissima!

Ingredienti (per due porzioni molto abbondanti):
  • 350 gr di cetrioli circa (corrispondono a due cetrioli di media grandezza)
  • 220 gr di avocado (cioè 1 avocado)
  • 40 gr di semi tritati (oppure pane raffermo tritato)
  • sale
  • brodo vegetale
  • 1 succhina
  • 1 cetriolo
  • pomodorini
  • una manciata di semi di sesamo e lino
  • qualche foglia di alga kombu
  • olio e.v.o.

vellut2

Ora viene il bello: tritate il cetriolo con l’avocado, i semi tritati (o il pane) e il sale. Poi aggiungete il brodo gradatamente fino a raggiungere una bella consistenza cremosa.

Tagliate i pomodorini, la zucchina e il cetriolo in pezzi piccoli; poi tritate i semi di lino e di sesamo con le foglie d’alga e un po’ di sale.

Impiattate la vellutata fredda di cetrioli e avocado e decoratela con la dadolata di verdure e il composto di semi e alga tritati. Completate con un filo d’olio.

NB: per una miglior conservazione della vellutata, aggiungete un po’ di limone al trito di cetrioli e avocado (così si conserverà più a lungo in frigo senza annerire).

velut1

Share Button

Crema raw spalmabile di anacardi e germogli

"Ognuno è un genio, ma se si giudica un pesce dall'abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà la vita credendosi stupido". A. Einstein

Qualcuno di voi ha provato a coltivare i germogli? a Natale mi è stato regalato un germogliatore (che altro non è che una sorta di griglia in cui mettere i semi e dell’acqua che va cambiata/aggiunta un paio di volte al giorno), ma si può usare anche del materiale che si ha normalmente in casa per far germogliare i semi, come un piatto ;)

A questo link ad esempio, trovate degli utili consigli: http://www.greenme.it/abitare/orto-e-giardino/9734-germogli-fai-da-te-germogliatore

Oltre ad essere facili da coltivare, i germogli sono molto ricchi di vitamine e sali minerali!

… e se ci sono riuscita io che ho una sorta di pollice nero, ce la potete fare anche voi!

Preparare questa crema o formaggino raw spalmabile è facilissimo! Ed è anche un modo diverso per utilizzare i germogli :)

 

Questo non è uno dei formaggi vegan particolarmente simili a quelli animali, ma ci sono così tante alternative valide da provare! Vediamo come si fa …

Ingredienti:

  • anacardi
  • germogli di alfa alfa (io ho coltivato questi, ma potete provare anche con quelli di un altro tipo)
  • sale
  • acqua

Lasciate gli anacardi – mi raccomando, non tostati ma al naturale- in ammollo per una notte, poi tritateli il più finemente possibile. Aggiungete i germogli, il sale e un goccino d’acqua, poi continuate a tritare. L’acqua va aggiunta poco a poco in modo da ottenere qualcosa di più simile possibile ad una crema, senza che diventi eccessivamente liquido.

Le dosi sono a piacere data la semplicità estrema della ricetta, ma consiglio di mettere almeno il triplo in peso degli anacardi rispetto ai germogli.

 

formaggio germogli

E visto visto che sono sempre alla ricerca di nuove idee per prepararmi insalate gustose … perché non utilizzare i germogli? in questa che vedete sotto, ci sono zucchine crude, rucola, semi di sesamo, germogli di alfa alfa, mandorle, olio, sale, succo di limone e un pizzico di paprika :)

insalata germogli

Share Button

Piccoli BROWNIES crudisti ;)

Ok oggi ho deciso di accontentare tutti: chi non vuole il glutine, chi mangia raw, chi non vuole lo zucchero, chi ama il cioccolato … Forse avrà da ridire chi è un estremo fan dei dolcetti tradizionali, ma d’altra parte la perfezione non è umana ahah! :smile:

La ricetta è davvero molto semplice; come spesso accade nelle mie preparazioni occorre davvero poco oltre agli ingredienti: un mixer/tritatutto!  :cool:

Ogni ingrediente è poi facilmente acquistabile al supermercato; potreste avere delle difficoltà solo con il burro di cocco e lo sciroppo d’agave usati nella cremina di decorazione (ma li trovate nei negozi bio o in alcuni negozi etnici, il secondo anche in qualche grosso supermercato).

brownies

Ingredienti:

  • 100 gr di datteri
  • 40 gr di mandorle e/o nocciole
  • 30 gr di noci brasiliane
  • 2 cucchiaini di cacao amaro (o – se volete essere fedelissimi al crudo- farina di carrube)

Per la cremina sopra i brownies vi servono:

  • 20 gr di burro di cocco
  • 1 cucchiaino di sciroppo di riso (oppure sciroppo d’agave)
  • 1 cucchiaino di cacao amaro (oppure farina di carrube)

Tritate la frutta secca fino a ridurla in farina, poi aggiungete i datteri e il cacao continuando a tritare. Dovrete ottenere un composto che, compresso e lavorato con le mani, crei dei dischetti compatti. Mettete i dischetti in frigo, appoggiati su un foglio di carta forno.

Per preparare la cremina basta unire il burro di cocco liquido con lo sciroppo di riso e il cacao, finché non otterrete una crema omogenea. Poi, distribuitela sui dischetti.

Vanno conservati in frigo e resistono qualche giorno … se non finiscono prima  :cool:

brownies1

 

 

Share Button

Gustosa ZUCCA RAW

La zucca cruda è stata per me una vera scoperta! E, anche se ormai il tempo delle zucche è finito, l’idea di non inserire questa ricetta e rischiare di dimenticarla mi avrebbe disturbata parecchio  :wink:   :yell:

zucca raw 2

Ed eccola qui: armatevi di pazienza per tagliare la zucca (è sempre un’impresa!), ehm … assumete qualcuno per tagliarvela promettendogli dei muffin al cioccolato vegani, aspettate durante il tempo in cui dovrà marinare senza tentare di mangiarla … e per il resto è un vero gioco da ragazzi! Ne potrei divorare a vagoni  :oops:

Ingredienti:

  • 400 gr di zucca (quella arancione allungata)
  • 1 grosso spicchio d’aglio fresco
  • olio e.v.o.
  • prezzemolo fresco
  • origano
  • mezzo peperone giallo
  • mezzo peperone rosso
  • aceto di mele
  • sale

 

zucca raw 1

Tagliate la zucca a listarelle di spessore sottile (il più possibile) e larghe non più di 2 centimetri e disponetela in una pirofila; nel frattempo tritate i peperoni crudi fino ad ottenere una crema.

Irrorate la zucca con l’olio e l’aceto di mele, completate con l’origano, il prezzemolo, il sale e l’aglio a pezzettini privato dell’anima.

A questo punto, tutte le listarelle devono essere immerse -o perlomeno a contatto- con il liquido di marinatura; versateci sopra la crema di peperoni, come vedete nella foto.

Lasciate il tutto in “ammollo” per alcune ore coprendolo con una pellicola; infine, mettete in frigo per un’oretta prima di servire.

ps: il tocco finale? tostate i semi di zucca prelevati dal centro (o essiccateli) e mangiateli come stuzzichino salato  :cool:

Share Button

BARRETTE per la colazione … e non solo!

Avevo già pubblicato una ricetta per le barrette, ma ho voluto duplicare, perché questa mi pare ancora più apprezzabile. E poi, mai come in questo periodo super intenso ho apprezzato i benefici della frutta secca e non.

Perché comprare le barrette di cereali e frutta quando ho tutto quello che mi occorre per farle in casa? Un suggerimento è quello di confezionarle nella carta forno in modo da poterle portare sempre con voi.

Le raccomandazioni sono poche: consumatele in 4-5 giorni, tenendole in frigo. Poi vi resistono in borsa una giornata se le incartate. Ma le mangerete prima che sia trascorsa la giornata suscitando l’invidia dei colleghi al lavoro  :mad:    :smile:

barrette

Ingredienti:

  • 100 gr di datteri (io ne ho usati di due tipologie diverse, per rendere il sapore più ricco)
  • 60/70 gr di fiocchi d’avena
  • una manciata di bacche di goji
  • 10 gr di farina di cocco
  • 40 gr di mandorle
  • un pizzico di cannella
  • una banana (circa 110 gr)
  • sciroppo d’agave(opzionale: può risultare utile per addolcire l’impasto o amalgamarlo se risultasse secco)

La procedura è molto semplice: basterà tritare tutto, mantenendo alcuni pezzi grossolani (per il semplice fatto che così poi sono molto più buone!). Poi, mettete l’impasto su un pezzo di carta forno lungo e , con l’aiuto di quest’ultima, create una sorta di lungo salame schiacciato. La larghezza del salame dipende da quanto lunghe volete diventino le vostre barrette. Mettete in frigo almeno un’oretta e poi affettate il salame in pezzetti uguali : e voilà!

Nel caso in cui l’impasto risultasse troppo molliccio (ma non dovrebbe!) potete aggiungere qualcuno degli ingredienti secchi: farina di cocco, mandorle tritate …. Qualora fosse troppo secco (ma di nuovo, non dovrebbe! :D ) optate per un altro pezzo di banana, oppure sciroppo d’agave :D!

Buona colazione/merenda/spuntino durante lo sport …. :D

Share Button

Hummus raw per pinzimonio

E’ stata un’estate in cui, sinceramente, non si sapeva più cosa farci con tutte le zucchine che c’erano nell’orto: zucchine in padella, conserve, zucchine ripiene, polpette, zucchine speziate, timballi, … non se ne poteva quasi più  :smile:  In ogni caso, questa ricetta nasce proprio da un vero esubero di questa verdura. Il troppo non stroppia, fa venire belle idee! E poi, del sapore di zucchine questo hummus raw ha proprio pochissimo; gustatevelo con tante verdure fresche come pinzimonio :)

hummus raw2

Ingredienti:

  • il succo di un limone e mezzo
  • due zucchine pelate
  • uno spicchio d’aglio (meglio senza germoglio)
  • 20 gr di noci
  • 40 gr di anacardi (o mandorle) al naturale
  • 10 gr di olio e.v.o.
  • sale
  • cumino
  • semi di sesamo
  • paprika (optional)

Tritate la frutta secca con una buona dose di pazienza, finché non esce il naturale olio che contiene (ovviamente va usato un tritatutto). Poi inserite nel tritatutto le zucchine e tutti gli altri ingredienti fuorché il sesamo e la paprika e amalgamate il tutto tritando. Mettete il composto in alcune scodelline e servite accompagnato da tante verdure fresche e colorate, decorando con i semi di sesamo e la paprika. Un consiglio: preparatelo poco prima di consumarlo, in modo che non si formi l’acqua (che contengono le zucchine) in superficie.

Share Button