Archivi tag: mandorle

Cheesecake bigusto al cioccolato e yogurt

"Immortale è chi accetta l'istante". Cesare Pavese

La cheesecake -soprattutto quella vegan- è certamente più laboriosa e costosa rispetto ad altre torte. Oltre a richiedere particolare cura negli ingredienti, prevede anche una certa attenzione nella “posa” degli strati e nella decorazione.

Ecco perchè mi piace l’idea di crearne nuove versioni sempre più specifiche e elaborate. Questa, in particolare, riprende la frutta secca in tutti i suoi strati (nocciole nella base e nel primo strato, mandorle nell’ultimo) e cerca di mantenere una nota di freschezza con lo yogurt e la frutta fresca decorativa. Bene, dopo tutta questa pappardella, ne approfitto del mio compleanno tra pochi giorni  per pubblicarla e vado a spiegarvi come l’ho preparata :)

chessecake bigusto2

Premetto che le dosi sono per una tortiera di medie dimensioni (21 cm di diametro o poco più); questo perchè preparo più spesso le torte per la famiglia o per un ristretto gruppo e quindi preferisco limitare gli ingredienti … e gli sprechi!

Ingredienti:

per la base

  • 110 gr di biscotti secchi senza derivati animali, ormai se ne trovano ovunque di qualsiasi marca
  • 25 gr di nocciole
  • 40 gr di burro vegetale (o olio di semi, ma se fate questa scelta, aggiungetene poco alla volta e verificate la consistenza)

per lo strato al gianduia

  • 50 gr di cioccolato al gianduia senza latte (oppure di cioccolato fondente e nocciole)
  • 100 gr di panna vegetale, da montare per dolci
  • 55 gr di sciroppo d’agave
  • 180 gr di yogurt bianco di soia senza zucchero
  • 200 gr di tofu vellutato
  • 35 gr di maizena

per lo strato allo yogurt

  • 150 gr di yogurt di soia alle mandorle (io ne ho usato uno senza zucchero e con un ottimo gusto amaro alla mandorla; in alternativa potete usare uno yogurt bianco non zuccherato e aggiungervi delle mandorle tritate molto finemente)
  • 50 gr di sciroppo d’agave
  • 50 gr di panna di soia da montare per dolci
  • 15 gr di zucchero

Cominciate preparando la base: tritate nocciole e biscotti molto finemente, aggiungete il burro e amalgamate bene. Schiacciate il composto sulla base di una tortiera a cerniera, il cui fondo sarà stato coperto di carta forno. Se i posso dare un consiglio, cominciate con un cucchiaio, ma completate con le mani, che funzionano molto meglio per questo compito! A questo punto, livellate bene lo strato in modo che sia uniforme e mettete in freezer.

Passate al primo strato, tritando finemente il cioccolato al gianduia (o quello fondente più nocciole) e unitelo agli altri ingredienti, cioè panna, sciroppo d’agave, yogurt, tofu e maizena. Aiutatevi con un mixer in modo che sia uniforme e versatelo nella tortiera livellando bene. Mettete in frigo.

Per l’ultimo strato, stesso procedimento: amalgamate bene tutti gli ingredienti (yogurt, sciroppo, panna e zucchero) e versatelo nell tortiera livellando.

Accendete il forno a 180° e, quando ha raggiunto la temperatura, infornate per 20 minuti e poi per altri 20 abbassando a 160°.

Ho decorato con frutta di stagione (ribes rosso e bianco appena colto, pesche e fragoline) e con qualche foglia di menta e fiore del giardino. Come vedete qui sotto, si possono fare anche delle mini porzioni con l’aiuto di alcuni coppa pasta.

Buoni esperimenti in cucina! :)

Cheesecake mini

 

Share Button

CROCCANTE al CIOCCOLATO BIANCO (di soia)

"Quando ci si smarrisce, i progetti lasciano il posto alle sorprese, ed è allora, ma solamente allora, che il viaggio comincia". N. Bouvier

Se c’è una cosa che forse rimpiango (correggo, rimpiangevo) dopo essere diventata vegana era il cioccolato bianco. Nonostante io sia per il salato, tra le cose dolci era in assoluto uno degli ingredienti favoriti.

Poi lo vedi lì, sullo scaffale del supermercato, bello pronto, alla soia … come si fa a non provarlo?

Quindi eccomi qui con questa nuova ricetta, super facile, ispirata a mille altre con partenza simile. Nulla di nuovo, ma risultato inaspettato!

Ingredienti:

  • 35 gr. di mandorle spellate
  • 20 gr. di nocciole
  • 120 gr. di biscotti secchi vegan (vanno benissimo quelli tipo grancereale, oppure i digestive, purché non siano troppo dolci)
  • 40 gr. + 10 gr. di olio di semi di girasole
  • 10 gr. di latte vegetale (meglio se non zuccherato)
  • 100 gr. di cioccolato bianco di soia
  • opzionale: vaniglia/cannella in polvere

Spezzettate le mandorle e le nocciole in modo irregolare e lo stesso fate con i biscotti sbriciolandoli. Aggiungete l’eventuale vaniglia o cannella e poi amalgamate velocemente i 40 gr. di olio. Sciogliete il cioccolato bianco a bagni maria aiutandovi con i 10 gr. di olio di semi; questi vanno aggiunti solo quando il cioccolato e a buon punto con lo scioglimento, mescolando velocemente. Appena il cioccolato risulta liscio, va aggiunto al composto di frutta secca e biscotti e amalgamato con rapidità. Subito dopo va aggiunto il latte.

Prendete della carta forno e depositate al suo interno il risultato, dando una forma che faciliti il raffreddamento (per esempio, una mattonella allungata). Lasciate in frigo per almeno un oretta e poi tagliatelo irregolarmente.

La sua incredibile dolcezza lo rende perfetto per accompagnare un caffè con le amiche o per una bella merenda.

croccante

Share Button

FINTO TIRAMISU’ al CIOCCOLATO e CREMA di MANDORLA

"I baci non durano.
Saper cucinare sì.
G.M.

… e questo tiramisù dura ancor meno aggiungerei.

E’ stata una prova, ma ne è uscito un qualcosa di veramente goloso e anche diverso dal solito.

Ingredienti:

  • un pan di spagna / torta al cioccolato; io ho utilizzato la mia base per la sacher veg e senza margarina … trovate qui la ricetta.
  • 100 gr di mandorle
  • 70 gr di zucchero di canna
  • 110 gr di latte di soia
  • 1 cucchiaio di frumina
  • 1 cucchiaino di agar agar
  • una tazza di latte di soia con orzo
  • panna di soia da montare (opzionale)
  • qualche pezzo di cioccolato fondente (opzionale)
  • cacao in polvere

tiramisu

Cominciate facendo tostare le mandorle (in forno a 150° per dieci minuti scarsi, durante i quali è preferibile muoverle ogni tanto); poi tritatele e aggiungete lo zucchero.

Nel frattempo, mettete sul fuoco il latte vegetale e, mescolando con una frusta per evitare grumi, incorporate zucchero, mandorle, frumina e agar agar.

A questo punto, fate cuocere finché la crema non diventa bella densa e lasciate a raffreddare.

Riducete la torta a pezzi e briciole e create nei bicchieri un primo strato con quest’ultima, che andrete a bagnare con latte di soia e orzo … senza annegarla  :smile:

Create uno strato con la crema di mandorle e poi di nuovo un altro con la torta e così via. L’ultimo strato io l’ho fatto con la panna di soia da montare a cui ho aggiunto cioccolato fondete fuso, poi ho completato spolverizzando del cacao :)

 

Share Button

VEG FORMAGGIO SAPORITO

Come anticipato qualche tempo fa, ho cominciato ad appassionarmi ai “finti formaggi”. Da buona fan del salato, ne sono diventata rapidamente dipendente… un po’ sul pane, un po’ nella pasta, un po’ sul cucchiaino  :fat:

Questa è una delle ricette più apprezzate, nei prossimi tempi vedrò di condividerne qualche altra di meritevole; unica raccomandazione, è una preparazione per chi ama i sapori decisi ! :lol:

 formaggio saporito 2

Ingredienti:

  • 55 gr tra mandorle pelate e nocciole
  • 60 gr di noci brasiliane
  • 15 gr di scalogno
  • 20 gr di cipolla bianca
  • 50 gr di latte vegetale non zuccherato
  • 250 gr di yogurt bianco di soia non zuccherato
  • 15 gr di maizena
  • olio e.v.o.   q.b.

Cominciate col tritare lo scalogno, la cipolla e la frutta secca (io con il mixer mi trovo meglio cominciando con quest’ultima), il più finemente possibile.

In un pentolino, sciogliete la maizena nel latte a freddo con l’aiuto di una frusta (sì, dai quella da cucina, mi raccomando!  (666)  ) . Accendete il fuoco sotto il pentolino mantenendolo però molto basso e, rapidamente, aggiungete lo yogurt, un goccino d’olio e il trito che avete preparato, mescolando inizialmente con la frusta e poi continuando con un cucchiaio.

Il composto ha la tendenza ad attaccarsi, perciò dovete essere continuamente lì imperterrite a mescolare, finché non raggiunge una consistenza moooolto densa (più di un budino per capirci): qualche minuto di cottura dovrebbe bastare.

Prendete, a questo punto, un contenitore, ungetelo leggermente con olio e.v.o. all’interno e versate il composto.

Una volta raggiunta la temperatura ambiente, potete riporlo in frigo qualche ora e sformarlo su un piattino quando sarete pronti a gustarlo (come vedete nelle foto) decorandolo con semini, prezzemolo o quello che vi ispira maggiormente  :smile:

Share Button

BARRETTE per la colazione … e non solo!

Avevo già pubblicato una ricetta per le barrette, ma ho voluto duplicare, perché questa mi pare ancora più apprezzabile. E poi, mai come in questo periodo super intenso ho apprezzato i benefici della frutta secca e non.

Perché comprare le barrette di cereali e frutta quando ho tutto quello che mi occorre per farle in casa? Un suggerimento è quello di confezionarle nella carta forno in modo da poterle portare sempre con voi.

Le raccomandazioni sono poche: consumatele in 4-5 giorni, tenendole in frigo. Poi vi resistono in borsa una giornata se le incartate. Ma le mangerete prima che sia trascorsa la giornata suscitando l’invidia dei colleghi al lavoro  :mad:    :smile:

barrette

Ingredienti:

  • 100 gr di datteri (io ne ho usati di due tipologie diverse, per rendere il sapore più ricco)
  • 60/70 gr di fiocchi d’avena
  • una manciata di bacche di goji
  • 10 gr di farina di cocco
  • 40 gr di mandorle
  • un pizzico di cannella
  • una banana (circa 110 gr)
  • sciroppo d’agave(opzionale: può risultare utile per addolcire l’impasto o amalgamarlo se risultasse secco)

La procedura è molto semplice: basterà tritare tutto, mantenendo alcuni pezzi grossolani (per il semplice fatto che così poi sono molto più buone!). Poi, mettete l’impasto su un pezzo di carta forno lungo e , con l’aiuto di quest’ultima, create una sorta di lungo salame schiacciato. La larghezza del salame dipende da quanto lunghe volete diventino le vostre barrette. Mettete in frigo almeno un’oretta e poi affettate il salame in pezzetti uguali : e voilà!

Nel caso in cui l’impasto risultasse troppo molliccio (ma non dovrebbe!) potete aggiungere qualcuno degli ingredienti secchi: farina di cocco, mandorle tritate …. Qualora fosse troppo secco (ma di nuovo, non dovrebbe! :D ) optate per un altro pezzo di banana, oppure sciroppo d’agave :D!

Buona colazione/merenda/spuntino durante lo sport …. :D

Share Button

Formaggio facile di cannellini

Scrivo velocissima questa ricetta che questa sera mi son pappata in un batter d’occhio!

tortel1

Ingredienti:

  • 10 gr di pinoli
  • 30 gr di mandorle
  • uno spicchio d’aglio
  • sale
  • 200 gr di cannellini lessati
  • succo di limone (un cucchiaino abbondante)
  • 1 cucchiaino di aceto di mele
  • 1 cucchiaino di senape
  • olio e.v.o.
  • acqua
  • un cucchiaino di agar agar

Allora: si comincia polverizzando con un mixer pinoli, mandorle (se prendete quelle con la pellicina danno anche un po’ di colore), aglio e sale. Aggiungete poi i cannellini, il limone, l’aceto e la senape. Intanto mettete sul fuoco 80 gr d’acqua e, quando cominciano ad esserci le prime bolle, unite l’agar agar mescolando velocemente per circa mezzo minuto. Intanto l’acqua avrà cominciato a bollire: spegnete e mescolate al composto di cannellini e company.

A questo punto, prendete un bel vasetto/contenitore di plastica dalla forma regolare in modo che poi il formaggino possa scivolare fuori agilmente :D Ungetelo con un po’ di olio e.v.o. e versateci il composto (ok, non fate come me che ne ho mangiato la metà già a quel punto). Mettete tutto in frigo e -dopo almeno mezzoretta – potete capovolgerlo su un piattino (per farlo uscire potete aiutarvi separando i bordi con uno stuzzicadenti).

Non viene duro, direi che la consistenza potrebbe essere simile a quella di una ricotta (sarò ancora affidabile con questi paragoni con latticini? :D ). magari non sa neanche tanto di formaggio ma poco importa, a me è piaciuto da matti <3 [è finito dritto su un tortel di patate :smile: ]

tortel2

Share Button

Gli ZUCCOTTI: muffin alla zucca!

Mettici che senza muffin non ci so stare per più di un paio di settimane, mettici che adoro la zucca e siamo nel periodo giusto … eh non si poteva evitare almeno un tentativo  :smile:  Tentativo riuscito tra l’altro!

Sicuramente risultano più “corposi” rispetto ad altri tipi di muffin, direi che sono un ottimo spuntino/merenda ecc.

Per completezza, devo far notare che non hanno superato completamente la “prova-bambino” :/ mi ha bocciato le mandorle a pezzettini :) ahah, terribili eh questi bimbetti! :D

muffin zucca1

Ingredienti:

  • 140 gr di zucca
  • 60 gr di zucchero di canna
  • 100 gr di farina 00
  • 60 gr di farina integrale
  • 20 gr di mandorle
  • 80 gr di olio di semi (mais o altro, va benissimo)
  • 90 gr circa di latte di soia
  • mezza bustina di lievito per dolci (oppure bicarbonato)

Fate bollire la zucca a pezzi e senza buccia per 15 minuti o finché non vedete che è bella morbida; è l’unico caso in cui faccio bollire e poi non tengo l’acqua perché così facendo si perdono importanti proprietà. In altre situazioni preferite il forno o la cottura a vapore … Non è il caso delle vellutate, per le quali l’acqua di cottura si tiene. Nel frattempo tritate grossolanamente le mandorle e unite tutti gli ingredienti secchi. Preparatevi il forno caldo a 180° e unite alla farina e company il latte, l’olio e la zucca scolata e schiacciata (fino a quando non è ridotta in poltiglia). Mettete il composto negli stampini e cuocete per 20 minuti circa a 180°. Fate la consueta prova dello stecchino e -sarà arduo!- ma lasciate raffreddare prima di assaggiarli.

Share Button

DELIZIA DI MARCO

Questo primo mi è stato segnalato da un amico… ma dato che è davvero buono, semplice e veloce, ve lo riporto!
Ingredienti (2 persone):

  • 180 gr di tagliatelle (senza uova, per me marca Felicetti)
  • 70 gr di pomodori secchi sott’olio (scolati, ma non risciacquati)
  • olio e.v.o.
  • metà di una grossa cipolla rossa
  • foglie di menta (vanno bene anche quelle essiccate)
  • mandorle a pezzettini

delizia marco

Il procedimento è davvero semplice. Mentre l’acqua bolle, saltate la cipolla a fettine fini o tritate in padella con un filo d’olio. Quando comincia a prender colore, aggiungete i pomodori secchi a pezzi e mezzo bicchiere di brodo vegetale. Lasciate che il tutto asciughi. Buttate la pasta in acqua e, nel sugo, aggiungete le mandorle e la menta. Lasciate che le prime tostino e abbassate la fiamma. Quando la pasta è quasi cotta (di solito 7 minuti per me con il tipo senza uova) scolatela e saltatela nel sughetto. Servite con qualche foglia di menta e scaglie di mandorla.
Si fa in dieci minuti ed è davvero buona ;-) Buon week end a tutti!

Share Button