Archivi tag: light

Mini timballi alla quinoa e miglio

Questa ricetta nasce un po’ per il desiderio di provare cereali a cui non siamo così abituati, un po’ perché il finger-food ha sempre il suo fascino e fa la sua bella figura in tavola :) vegan non vuol per forza dire semplice o sciatto!  … Diciamo pure che la mia passione di creare e decorare dolcetti si trasferiscce talvolta nel salato  :smile:   Insomma, provateli! Per farli servono solo gli stampini dei muffin :D

mini timballi

 

Ingredienti:

  • 6 zucchine medie
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 2 patate
  • quinoa e miglio (un paio di pugnetti per ciascuno)
  • sale
  • aromi/spezie a piacere, per me pepe, prezzemolo , salvia e un pizzico di aglio in polvere.
  • olio e.v.o.

Mettete a lessare le patate e a cuocere miglio e quinoa (come se faceste il riso o la pasta salando l’acqua quando bolle: per il primo ci vogliono 20 minuti, per la seconda ne bastano 15 .. potete anche cuocerli insieme ovviamente, buttando la quinoa un pochino dopo!).  Alcuni suggeriscono di risciacquarli prima di buttarli nell’acqua bollente; non ho trovato particolari differenze, ma faccio presente il consiglio  :cool:  Scottate per qualche minuto tre delle zucchine.

Tagliate a dadini molto piccoli la carota e sminuzzate anche la cipolla; poi fate lo stesso con le patate (aspettate che si raffreddino un pochino) e le tre zucchine scottate: unite tutto il una terrina. Una volta cotti i cereali, aggiungete anche questi ultimi. Aggiustate il sale e aggiungete olio e prezzemolo, salvia, pepe o quello che avete scelto.

Preparate quindi gli stampini dei muffin: basterà passarli con dell’olio e.v.o. Con un pela patate create delle strisce con le tre zucchine crude con cui foderare gli stampini; io ho utilizzato la parte esterna verde per alcuni, quella bianca per altri, oppure un mix per creare un bel gioco di contrasti e sfumature. Per questa operazione, basterà disporre le strisce “a stella” facendole aderire ai bordi dello stampino. Se le strisce non sono troppo spesse non dovreste avere difficoltà. Cercate anche di fare in modo di avanzare parte della striscia fuori dallo stampino: userete questa parte per richiuderli, come se fosse un fiore  :smile:  Con un cucchiaio aggiungete il ripieno e chiudete i timballi. Cuocete a foro statico 180° per almeno 15 minuti, poi sformateli sui piatti!

L’idea in più: con l’impasto rimanente potete formare delle polpette usando pan grattato e le zucchine crude avanzate tritate (ne vedete un esempio nella foto vicino al timballo). Vedrete che risultano super leggere se cotte in forno!

Per i golosi: potete aggiungere al ripieno anche della mozzarisella o mozzarella di soia autoprodotta :D (per farla bastano 20 gr di panna di soia, 55 gr di latte di soia non zuccherato, 5 gr di burro di soia o margarina, 230 gr di yogurt di soia non zuccherato, sale e 40 gr di fecola di patate. Mescolate tutto insieme, meglio se con un mixer, e cuocete tutto a fuoco lento continuando a mescolare fino ad ottenere la consistenza che volete).

 

 

Share Button

CHEESECAKE LIGHT al CIOCCOLATO

cheesecake cioc
Facendo questo dolce, mi sono accorta che è ottimo per l’estate: ci si mette poco, non serve cuocerlo e -con pochi accorgimenti- potrete farlo con un bassissimo apporto calorico! (in ogni caso riporto anche le scelte per la versione più golosa tra parentesi negli ingredienti)
Ingredienti:

  • 250 gr di biscotti digestive o biscotti secchi senza latte, uova ecc (oppure 150 gr di biscotti + 100 di mandorle)
  • olio di semi (+, opzionale, margarina)
  • un cucchiaio di cacao (opzionale, da aggiungere alla base se la volete scura)
  • 125 gr di cioccolato fondente
  • 350 gr tofu silk, ma se ne avete meno no problem!: è un tofu molto molle, si trova in alcune coop grandi o in alcuni negozi bio, oltre che su internet, sul mio c’era scritto che la ricetta originale viene dal giappone NON FATEVI SCORAGGIARE DAL NOME STRANO, vale davvero la pena di provarlo, è veramente ineguagliabile oltretutto, almeno alla coop, non costa più di un formaggio fresco  non ho provato con il tofu normale, perciò non garantisco sul suo utilizzo!
  • sciroppo d’agave (o zucchero, dipende da quanto/se la volete dolce e dalla consistenza della crema che avrete ottenuto)
  • 1 cucchiaino di agar-agar (è un alga in polvere che dà l’effetto della colla di pesce, ma è molto più potente e anche più sana e ovviamente è vegetariana/vegana; per chi non lo sapesse, la colla di pesce è fatta con i peggiori scarti del maiale, in particolare con parti delle interiora… ehm a voi la scelta!)

Dunque: per la base, come per tutte le cheesecake, tritate i biscotti o-se avete scelto la variante golosa- biscotti e mandorle. Aggiungete olio di semi (e/o margarina se lo volete più calorico e saporito) finchè non vedete che, schiacciandolo, il composto “sta insieme”. Poi disponete il tutto sulla base di una tortiera a cerniera foderata di carta forno (un consiglio, mettetela solo sulla base, tanto sui lati non attaccherà, basterà aiutarsi con uno stuzzicadenti nell’estrarre la torta). Se riuscite, fate anche un po’ di bordo con il composto, viene carina  e poi mettete in frigo o freezer. Per la parte di cioccolato, sciogliete il ciocc. fondente a bagno maria, eventualmente con un goccino di latte di soia. Mettetelo nel mixer con il tofu e eventualmente addolcitelo con l’agave o lo zucchero. per aggiungere l’agar agar, scioglietela prima sul fuoco in un po’ di latte di soia caldo (basta qualche secondo dopo che ha iniziato a bollire). Mescolato il tutto, aggiungetelo alla base e mettete in frigo per diverse ore. Io ho impiattato semplicemente con un filo di sciroppo d’agave e qualche mandorla senza grandi decorazioni  tanto è finita subito!

Share Button

VELLUTATA SUPER LIGHT

vellutata fic

(light e di una facilità unica direi) :-)
Ingredienti:

  • un finocchio
  • una scatola di fagioli cannellini lessati
  • mezzo cucchiaio di cumino in polvere
  • sale
  • pepe

Se avete già bollito il finocchio sarete un passo avanti  altrimenti, no problem: mettetelo in pezzi in una pentola con abbondante acqua (se volete anche brodo vegetale) o comunque abbastanza da coprirlo e lasciatecelo finchè non diventa molto morbido. A questo punto, molta dell’acqua dovrebbe essere evaporata. Aggiungete i cannellini scolati e lasciate il tutto a cuocere 10-15 minuti; aggiungete dell’acqua qualora si stia asciugando troppo. Al termine, passate tutto con il mini pimer o il mixer, aggiungete il cumino, sale e pepe senza esagerare e gustatela con i crostini ;-) Credo di preferire ancora la velutata alla zucca su tutte, ma questa è un ottimo modo per consumare i finocchi in modo alternativo (o farli consumare a chi li odia senza che se ne rendano nemmeno conto) :-D

Share Button

COLAZIONE SEMPLICE, DOLCE… E LIGHT : torta al cioccolato

colazione light

Ingredienti:

  • 200 gr di farina 00
  • 200 gr di zucchero (non viene super dolce, se siete delle amanti dello zucchero aumentate o usate cacao dolce)
  • 75 gr di cacao amaro
  • 50 gr di olio di semi
  • una bustina di lievito per dolci (ne ho provato uno bio anche per celiaci che è una bomba!)
  • 250 ml di latte di soia o di riso [la ricetta originale prevede le dosi così, ma io aumento sensibilmente il latte, finché l’impasto non risulta denso (poco meno liquido di quelli che si comprano pronti al supermercato); in questo modo la torta viene ugualmente soffice ma è più facile metterla nella tortiera]
  • opzionale, scorza di arancia tritata.

Mescolate gli ingredienti secchi e poi unite i liquidi MA per ultimo il lievito. Finito? quasi. Ungete una tortiera (io ho la mia fedele a cerniera, misure standard) con margarina o olio di semi, cospargetela di farina eliminando quella in eccesso. A questo punto unite l’impasto e mettete tutto in forno caldo a 180°. A me sono bastati 35 minuti, ma sapete bene che ogni forno ha caratteristiche sue, perciò tenetela d’occhio e fate la prova dello stuzzicadenti prima di tirarla fuori. La farcitura io l’ho fatta con panna di riso da montare comprata online, però credo che anche con la semplice marmellata sia ottima. E… Buona colazione !

Share Button