Mini timballi alla quinoa e miglio

Questa ricetta nasce un po’ per il desiderio di provare cereali a cui non siamo così abituati, un po’ perché il finger-food ha sempre il suo fascino e fa la sua bella figura in tavola :) vegan non vuol per forza dire semplice o sciatto!  … Diciamo pure che la mia passione di creare e decorare dolcetti si trasferiscce talvolta nel salato  :smile:   Insomma, provateli! Per farli servono solo gli stampini dei muffin :D

mini timballi

 

Ingredienti:

  • 6 zucchine medie
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 2 patate
  • quinoa e miglio (un paio di pugnetti per ciascuno)
  • sale
  • aromi/spezie a piacere, per me pepe, prezzemolo , salvia e un pizzico di aglio in polvere.
  • olio e.v.o.

Mettete a lessare le patate e a cuocere miglio e quinoa (come se faceste il riso o la pasta salando l’acqua quando bolle: per il primo ci vogliono 20 minuti, per la seconda ne bastano 15 .. potete anche cuocerli insieme ovviamente, buttando la quinoa un pochino dopo!).  Alcuni suggeriscono di risciacquarli prima di buttarli nell’acqua bollente; non ho trovato particolari differenze, ma faccio presente il consiglio  :cool:  Scottate per qualche minuto tre delle zucchine.

Tagliate a dadini molto piccoli la carota e sminuzzate anche la cipolla; poi fate lo stesso con le patate (aspettate che si raffreddino un pochino) e le tre zucchine scottate: unite tutto il una terrina. Una volta cotti i cereali, aggiungete anche questi ultimi. Aggiustate il sale e aggiungete olio e prezzemolo, salvia, pepe o quello che avete scelto.

Preparate quindi gli stampini dei muffin: basterà passarli con dell’olio e.v.o. Con un pela patate create delle strisce con le tre zucchine crude con cui foderare gli stampini; io ho utilizzato la parte esterna verde per alcuni, quella bianca per altri, oppure un mix per creare un bel gioco di contrasti e sfumature. Per questa operazione, basterà disporre le strisce “a stella” facendole aderire ai bordi dello stampino. Se le strisce non sono troppo spesse non dovreste avere difficoltà. Cercate anche di fare in modo di avanzare parte della striscia fuori dallo stampino: userete questa parte per richiuderli, come se fosse un fiore  :smile:  Con un cucchiaio aggiungete il ripieno e chiudete i timballi. Cuocete a foro statico 180° per almeno 15 minuti, poi sformateli sui piatti!

L’idea in più: con l’impasto rimanente potete formare delle polpette usando pan grattato e le zucchine crude avanzate tritate (ne vedete un esempio nella foto vicino al timballo). Vedrete che risultano super leggere se cotte in forno!

Per i golosi: potete aggiungere al ripieno anche della mozzarisella o mozzarella di soia autoprodotta :D (per farla bastano 20 gr di panna di soia, 55 gr di latte di soia non zuccherato, 5 gr di burro di soia o margarina, 230 gr di yogurt di soia non zuccherato, sale e 40 gr di fecola di patate. Mescolate tutto insieme, meglio se con un mixer, e cuocete tutto a fuoco lento continuando a mescolare fino ad ottenere la consistenza che volete).

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *